Regione Veneto

MISURE A FAVORE DI FAMIGLIE E IMPRESE

Pubblicata il 14/05/2020

MISURE A FAVORE DI FAMIGLIE E IMPRESE

L'Amministrazione comunale sta predisponendo un piano di misure volte ad aiutare famiglie e attività produttive nella ripartenza post lockdown.

Al vaglio dell'Amministrazione la rinegoziazione dei mutui contratti con Cassa Depositi e Prestiti: rinegoziazione prevista dal Governo per consentire agli Enti locali il reperimento immediato di risorse da investire nella gestione dell'emergenza, sanitaria ed economica. 

Il cd. "d.l. rilancio", di imminente pubblicazione, sembra prevedere un'esenzione annuale dal pagamento di TOSAP o COSAP, vale a dire dalle tasse/canoni di occupazione del suolo pubblico. Se così fosse, il d.l. anticipa l'intendimento dell'Amministrazione comunale di accordare l'esenzione annuale dal pagamento del canone per l'occupazione del suolo pubblico (ad oggi solo sospeso fino al 31 luglio p.v.).

E' ormai chiara la necessità per tutti gli operatori economici di reperire maggiori spazi per lo svolgimento delle attività commerciali, al fine di garantire il necessario distanziamento fisico. Due le misure di più immediata attuazione: l'ampliamento dei plateatici (a canone invariato, quando non sospeso) e il riuso temporaneo dei locali sfitti.

In ordine al riuso temporaneo di locali sfitti, si segnala che nel corso del Consiglio comunale del 30 aprile 2020 è stata autorizzato il riuso temporaneo di un locale sfitto ubicato a Stra al fine di consentire lo svolgimento di attività di cura della persona (parrucchiere/estetista). La possibilità di utilizzare, per un tempo limitato (tre/cinque anni) locali sfitti, è stata contemplata dalla l.r.V. n. 14/2017 (cd. legge regionale sul consumo di suolo) e appare uno strumento certamente utile in questo particolare momento storico, considerato il numero significativo di locali sfitti presenti nel territorio e la necessità delle attività produttive di trovare, anche solo temporaneamente, maggiori spazi per le loro attività. 

E infatti, nel caso sottoposto all'esame del Consiglio Comunale del 30 aprile scorso, il riuso è espressamente finalizzato ad avere spazi più ampi per lo svolgimento dell'attività. 

Il proposito dell'Amministrazione comunale è quello di "censire" i locali sfitti e verificare se vi siano le condizioni per il loro riutilizzo (a partire dalla disponibilità dei proprietari di tali locali).

All'indomani dell'entrata in vigore del d.l. rilancio, l'Amministrazione comunale potrà definire con maggiore precisione ulteriori misure di sostegno a famiglie e imprese: ci si può muovere con sicurezza solo quando sarà definitivamente chiaro quali risorse saranno destinate ai Comuni, quale risorse potranno essere reperite nello specifico dal Comune di Stra, anche per far fronte alle minori entrate, senza sacrificare i servizi essenziali per la collettività.

 

Categorie Covid-19

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto